ASPETTANDO NAPOLI MODA DESIGN 1-3 DICEMBRE 2018 - REGGIA DI CASERTA LA RASSEGNA SULLE ECCELLENZE DELLO STILE

ASPETTANDO NAPOLI MODA DESIGN

1-3 DICEMBRE 2018 - REGGIA DI CASERTA

LA RASSEGNA SULLE ECCELLENZE DELLO STILE

 

campogrande

 

 

Campogrande Concept continua le sue attività legate allo sviluppo della fase “over spaces” che la vedono protagonista di progetti culturali-artistici che vanno oltre il territorio bolognese.

Appuntamento alla Reggia di Caserta, lussuosa testimonianza di un’architettura dal gusto intramontabile, che si è aperta alle eccellenze dello stile contemporaneo. La nuova creatività nel campo della progettazione si è misurata con le meraviglie del barocco e del rococò ma anche con le anticipazioni neoclassiche di Luigi Vanvitelli.

Durante la tre giorni il Palazzo Reale ha ospitato quindi il progetto "AspettandoNapoliModaDesign”, evento itinerante, costola del progenitore partenopeo “NapoliModaDesign”, ovvero NMD, la rassegna che da quattro anni rappresenta uno degli appuntamenti più importanti nel settore del lusso, motivo di vanto per l’intero territorio campano.

 

“Respiro”. È l’opera di Fabrizio Corneli che è stata collocata sullo splendido scalone d’onore della Reggia di Caserta; l’installazione testimonia l’ingresso dell’Arte Contemporanea come espressione artistica all’interno della manifestazione. Protagoniste le Luxuryideas nell’ambito della moda e del design, sotto la direzione artistica dell’architetto Maurizio Martiniello, ideatore e organizzatore della kermesse.

La scultura ha accompagnato i visitatori all’interno della Reggia di Caserta, bene monumentale che è stato consacrato dall’Unesco come patrimonio dell’umanità. L’artista fiorentino Fabrizio Corneli ha esposto questo straordinario lavoro, affiancato da altre opere di luce e ombre, segnando la prima collaborazione tra Campogrande Concept di Daniela e Stefano Campogrande e Galleria Studio G7 di Bologna, quest’ultima realtà storica nel panorama dell'arte contemporanea, che per mano della sua titolare, Ginevra Grigolo, ha curato il progetto artistico condiviso.